Dai primi mesi del 2020 alcune unità appartenenti alla flotta della Gestione Navigazione Laghi, operative sul lago di Garda, hanno iniziato ad adottare, in luogo della tradizionale colorazione bianca e nera, prevista per l’opera morta e le sovrastrutture, una nuova livrea bianca e blu per la parte emersa dello scafo (v. galleria immagini motonavi Verona e Mantova).

Nuove scelte cromatiche sembrano aver interessato, seppur in modo disomogeneo, anche l’opera viva, tradizionalmente di colore rosso, e la linea di galleggiamento all’altezza del “bagnasciuga” le quali presentano diverse varianti, che spaziano dal blu all’azzurro, dal grigio al bianco.

Questa felice decisione, quantomeno a parere di chi scrive, aggiunge un tocco di modernità ai “battelli” più anziani valorizzando anche le costruzioni più recenti, come, ad esempio, il nuovissimo Pelèr, ufficialmente entrato in servizio il 4 giugno.

Che un cambio di rotta si prospettasse all’orizzonte avrebbe, forse, potuto intuirsi, dopo il varo delle motonavi AndromedaBaldo le quali, pur avendo adottato uno scafo quasi interamente bianco, presentano bottazzi paracolpi, la fascia all’altezza del galleggiamento e alcune linee delle sovrastrutture di colore blu.

0 Comments

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

Mandaci un messaggio - Send us a message

"Usa la form di contatto cliccando sul seguente link:

Pagina dei contatti

Please use the contact form at the following link:

Contact Us

Log in with your credentials

Forgot your details?