Il pattugliatore costiero Vedetta (P407) è la terza delle quattro unità della classe Esploratore (1). Varato l’11 gennaio 1997 presso il cantiere C.L.E.M.N.A. di Cadimare (Sp) venne consegnato alla Marina Militare, dopo una travagliata “fase di allestimento” dovuta alla crisi che colpì il cantiere costruttore, il 29 luglio del 1999.

Dislocato dal 31 gennaio 2000 a Durazzo, in Albania, nell’ambito della missione della Forza Multinazionale di Protezione “Alba II” e alle dipendenze del 28° Gruppo Navale Costiero, rientrerà successivamente in patria per ricevere, l’8 aprile 2000, nel sorgitore di La Spezia, la Bandiera di Combattimento.

Il 22 gennaio 2001 il Vedetta entrò a far parte della Multinational Force and Observers (M.F.O.) e destinato alla base operativa di Sharm el Sheikh, dove giunse il mattino del 27 febbraio.

Dal 2001 ad oggi l’unità ha svolto principalmente attività di pattugliamento assolvendo la missione assegnata al Decimo Gruppo Navale Costiero dalla MFO consistente nell’assicurare la libertà di navigazione nelle acque dello Stretto di Tiran e dei suoi approcci.

Gli scatti pubblicati in calce all’articolo ritraggono il Vedetta ormeggiato in banchina a Brindisi il 6.03.2019.

Dati tecnici

Cantiere di costruzione: Cantiere Navale Clemna (poi Istria), Cadimare (Sp)
Impostazione: 14.02.1995
Varo: 11.01.1997
Scafo: acciaio ad alta resistenza ER RS 36 S
Tuga: lega leggera tipo 5083 H116
Dislocamento: standard 117,1 t; a pieno carico 164,5 t
Lunghezza f.t.: 37,16 m
Larghezza: 7,06 m
Immersione media: 1,95 m
Apparato motore: 2 diesel Isotta Fraschini M-712-T2; 2 assi con eliche a due pale orientabili, a passo variabile
Apparato Elettrico: 2 diesel generatori Scania
Potenza: 2808,64 KW (3766,45 HP )
Velocità massima continuativa: 20 nd
Autonomia: 2000 nm a 8 nodi; 1200 nm a 20 nodi
Armamento: 1 mitragliatrice Browning cal. 12,7 mm “A61 ADF”, 2 mitragliere MG 42/59 Cal. 7.62 mm (2)
Equipaggio: 14 uomini (2 ufficiali, 12 sottufficiale e marinai)
Motto: Cor Meum Vigilat


Note

1. Completano la classe le unità Esploratore, SentinellaStaffetta.
2. Stando a quanto riportato a pag. 362 del volume di F. Bargoni e F. Gay, Corvette e pattugliatori italiani, edito nel 2004 dall’USMM, l’unità, originariamente, avrebbe dovuto imbarcare una mitragliatrice singola da 20/70 mm.

0 Comments

Leave a reply

Your email address will not be published.

Mandaci un messaggio - Send us a message

"Usa la form di contatto cliccando sul seguente link:

Pagina dei contatti

Please use the contact form at the following link:

Contact Us

Log in with your credentials

Forgot your details?